ENSEMBLE OUVERT DEL FESTIVAL MUSICALE SAVINESE – Schubert-Abend


MONTE SAN SAVINO - Chiostro Palazzo di Monte

ensemble-ouvert-ENSEMBLE OUVERT DEL FESTIVAL MUSICALE SAVINESE

SCHUBERT-ABEND

Pierluigi Camicia pianoforte
Alessandro Perpich
violino
Paola Rubini
viola
Marco Dalsass
violoncello
Samuele Amidei
pianoforte
Andrea Capanni
contrabbasso
Federica Lotti
flauto

Ore 21:15

Ingresso € 10,00 – ridotto € 8,00

Federica Lotti
Introduzione, Tema e Variazioni sul “Trockne blumen” D 802 Op.post.160 per flauto e pianoforte
Nell’epoca non troppo felice per il flauto, in cui il suo repertorio cameristico si limita ad annoverare numerosissimi pezzi di virtuosismo da salotto (quasi sempre variazioni di bravura su temi d’opera et similia) rimanendo tristemente carente di grandi composizioni, il viennese Franz Schubert nel pieno della sua maturità espressiva scrive le Variazioni D 802  Op.post. 160 per flauto e pianoforte sul bellissimo e struggente lied n.° 18 Trockne Blumen (Fiori appassiti) tratto dalla raccolta “Die Schöne Müllerin” (La bella mugnaia). Il testo del lied allude al mesto epilogo di un amore infelice: un giovane vede deluse le sue speranze visto che la bella mugnaia di cui si è innamorato, dopo avergli accordato il suo favore, s’invaghisce di un cacciatore di passaggio. Incapace di resistere al dolore subìto, il giovane si rivolge ai fiori appassiti suggeriti dal titolo, quelli ormai irrimediabilmente disseccati che la ragazza gli aveva donato e che bagnati di lacrime saranno portati fin nella tomba. Sintomatico del modo prettamente romantico d’intendere la Natura come specchio dei sentimenti vissuti, tutto il ciclo del “Die Schöne Müllerin” ruota intorno ai due elementi  dell’acqua del ruscello – amico trasfigurato del giovane protagonista, che prima gli fa incontrare l’amore e poi lo culla dolcemente mentre si avvicina alla morte – e dei fiori -  pegno di felicità, simbolo di fedeltà e speranza.

Pierluigi Camicia
pianista  eseguendo il quintetto  “la trota” op 114 in la maggiore