INDIFFERENTEMENTE il salotto musicale e la macchietta tra classico e tradizione


MONTE SAN SAVINO - Chiostro Palazzo di Monte

indifferentemente-INDIFFERENTEMENTE

il salotto musicale e la macchietta tra classico e tradizione

Nando Citarella voce
Paola Crisigiovanni pianoforte
Alessandro Perpich violino

Programma:

XII secolo
E cerase Serenata
Fenestavascia Colascionata
Te voglio bene assai Serenata

XVIII secolo
(D. Citarella) Angelaré Procidana
Tiritoc Moresca

XVIII-XX secolo
(A. De Gregorio – V. Acampora)
Vierno
(D. Cimarosa) Serenata di Pulcinella
(S. Cardillo – A. Cordiferro) Core ingrato
(V. de Meglio) Mariannì Canzone comica
(U. Martucci – S. Mazzocco) Indifferentemente
(E. Di Capua – A. Mazzucchi) I te vurria vasà
(F. Rendine) Vurria

Ore 21:15

Ingresso € 8,00 – ridotto € 5,00

In un’atmosfera di elegante avanspettacolo la voce e la simpatia di Nando Citarella riporta in vita la figura del posteggiatore, un tempo amato dal popolo e considerato “portatore della musica bella” (i compositori affidavano loro le nuove composizioni per verificare il gradimento da parte del pubblico). Tempi d’oro, quelli, per i musicisti ambulanti, che in qualche modo detenevano il monopolio della canzone stessa. Ma già negli anni trenta il Cafè Chantant presentava la macchietta de ‘O pusteggiatore viecchio. Ormai c’erano la sciantosa, il tenore, la canzone drammatica che preparava la strada alla sceneggiata. Ogni sera stavano là, al loro posto di combattimento, pronti a far sentire la loro musica, le loro storie, pronti, se necessario, a trasferire nella Pusteggia anche le nuove mode. Lo spettacolo è un lungo monologo fatto di parole e di musica che quelli della Pusteggia devono inventarsi, per dare un senso qualsiasi alla loro vita.
Tutto questo è condiviso con le straordinarie figure della Maestra gran concertatora, suonatora e arrangiatora Paola Crisigiovanni (‘A Jamma base d’o janch’e niro) che trasforma il pianoforte in una vera e propria orchestra (o concertino o semplicemente basso continuo ma anche voce armoniosa e melodica) e del virtuoso violinista dal suono d’oro, il Maestro Alessandro Perpich. Si odono gli echi di sonate brahamsiane o raveliane messe al servizio della serenata, della romanza o della semplice canzonetta tipica della Pusteggia e del Cafè Chantant, ma anche virtuosismi che mescolano la melodia popolare allo swing o al tango, non perdendo di vista la tradizione classica e romantica che ha sempre reso grande la canzone napoletana.
Il concerto è uno speciale viaggio di questi vulcanici artisti, l’uno studioso delle tradizioni popolari, teatrali e coreutico-musicali mediterranee, gli altri virtuoso del violino e profonda conoscitrice e studiosa dell’arte della composizione, dell’arrangiamento e dell’improvvisazione.
V’aspettiamo cu Afaccianostasottoipiedivostri!
Stateve BBuono!.

 * * *

Donato Citarella detto Nando
Musicista, attore, cantante (tenore) e studioso delle tradizioni popolari, teatrali e coreutico-musicali mediterranee, ha studiato e collaborato con importanti artisti come Eduardo De Filippo, Dario Fo, Linsday Kemp Roberto De Simone e Ugo Gregoretti. Dal ’78 inizia a collaborare con la compagnia M.T.M. di Lydia Biondi insieme a Giuseppe Cederna, Memo Dini (entrambi premio oscar con Mediterraneo di Salvatores), con Luciano Brogi, Roberto Della Casa, Nicola De Feo, Enzo Aronica e Daniela Giordano tenendo spettacoli e seminari (Commedia dell’Arte) in Italia e all’estero. Dall’80 collabora con il Circolo Arci Gabalo di Milano tenendo laboratori di danze e percussioni popolari iniziando così il percorso Multietnico tra Parola, Musica e Danza in Collaborazione con il Pasolini Institute di Francoforte ed il Pavillon di Amburgo. Vincitore nell’81 del premio della Critica Discografica con Francesco Manente. Fondatore e direttore artistico del progetto FANTANASIA che dall’ 81 all’83 organizza Stages Internazionali di Musiche e Danze Multietniche  in collaborazione con Arci Gabalo  di Milano. Entra poi  a far parte della  Compagnia Pupi e Fresedde (’81) fondata da Angelo Savelli e Pino De Vittorio  fino all’82  quando si trasferisce a New York per collaborare con Alessandra  Belloni e Johnn La Barbera fondatori dei Giullari di Piazza e continuando però a collaborare con Lydia Biondi e l’MTM portando in molti paesi (Stati Uniti, Canada, Colombia, Brasile, Francia, Germania, Olanda) la Commedia dell’Arte con le sue danze e musiche. Nell’83 inizia lo studio del Canto Lirico con Walter Blazer sia negli Stati Uniti sia in Italia alla Scuola di Fiesole seguendo anche i Corsi di Ettore Campogalliani.  Dall’85 studia e si perfeziona sotto la guida del  M° Maria Rohrmann e con il M° Alfredo Kraus. Continua a tenere concerti alla Carnegie Hall e al Synphony Space  di New York e alla Carnegie Hall di Pitthsburg e ancora a Orlando, Columbus, Washington. Fondatore della Compagnia “La Paranza” nell’87 porta in giro molte produzioni sulla Commedia dell’Arte e sull’Opera tra Classico e Tradizione . Collabora con importanti orchestre (Edinburgo – Lione – Lipsia – Roma – L’Aquila – Sanremo – Oviedo – Gdasnsk) in qualità di tenor (voce naturale e lirica)  e percussionista tradizionale. Nel  1985  crea  il Progetto  ETNIE (Tradizione-Integrazione-Cultura-Incontro) prima con Fantanasia poi con Timba Scuola di percussioni ed infine dal 1995 con Accademia Musicale Interamnense. Dal 1991 inizia la sua collaborazione con la RAI radiotelevisione italiana dove viene scritturato in qualità di Attore Cantante per due edizioni di Domenica in condotte da Pippo Baudo e dove con  Sergio Bardotti e Bruno Broccoli crea il personaggio del Giullare (personaggio di cui vestirà i panni in ben altre 5 diverse produzioni da Varietà (89/90) a Domenica in (90/92) e ancora  Castello di Partita Doppia (93/94)  Luna Park con la Zingara(95/98) con: Baudo,  Frizzi, Bonolis, Magalli, Lambertucci, Falchi, Carlucci, Venier. Colorado (98/99) con Alessandro Greco.  Due contro tutti(99/2000) con Carlo Conti.   Nel 1994 grazie al Roma Europa Festival crea il progetto Tamburi del Vesuvio (gruppo ancora oggi attivo ). Nel 1995 con il M° Luciano Bellini crea il Viaggio di Pulcinella e Karagoz (opera multimediale tra Folk e Contemporaneo) su commissione dell’Accademia di S Cecilia di Roma. Nel 1996 e solista ed interprete con l’Orchestra del Vicariato di Roma diretta da Mons. Marco Frisina della Giornata Mondiale della Gioventù alla Sala Nervi in Vaticano davanti a Giovanni Paolo II° .Dal 1998 al 2010 collabora con  l’Ente di Deputazione Teatrale Lirica del Teatro Marrucino di Chieti diretto in quegli anni dal M° Sergio Rendine. E’ interprete solista dell’opera Passio et Resurrectio di Rendine accanto a Mariano Rigillo, Enzo Gragnaniello, Maria Rosaria Omaggio, Milva, Lucilla Galeazzi, Brunella Selo, opera che ha interpretato  per  10 anni rappresentata in molti paesi  d’Europa oltre ad essere stata trasmessa più volte in Mondovisione dalla Basilica di Pompei alla Basilica della Natività di Betlemme e in occasione della  chiusura dell’Anno Santo 2000 e ancora a Gerusalemme, Oviedo,Barcellona e Principato di Andorra. E’ stato diretto in opere e concerti da Maestri concertatori e direttori quali: Maurizio Dones, Gianluigi Gelmetti, Jun Merkul, Marzio Conti, Luciano Bellini, Franco Mannino, Sergio Rendine, Will Humburg. Dal 2001 al 2014 interpreta il ruolo del posteggiatore nella trasmissione radiofonica Ho perso il trend con Luzzi e Bassignano trasmissione quotidiana di grande popolarità. Nel 2002 è solista e interprete dell’Opera Romanza “una favola italiana” nel quale interpretava il ruolo di Nino il giornalaio accanto a Vittorio Grigolo, Ami Stewart e i Favete Linguis. Partecipa dal 2004 al 2009 a molte produzioni discografiche dai Tamburi del Vesuvio a Riccardo Tesi, Lucilla Galeazzi, Micrologus Ensemble, Mauro Palmas, Enzo Gragnaniello, Riserva Moac, Musicanti del Piccolo Borgo,  Acquaragia Rom, Raffaello Simenoni, Ambrogio Sparagna, Unavantaluna, Tammurriata di Scafati, Luciano Bellini, Orchestra del Conservatorio A.Casella de L’Aquila, Compagnia “La Paranza”. Nel 2013 nasce il Trio Cafe Lotì insieme a  Stefano Saletti e Pejman Tadayon con all’attivo una produzione discografica e molte produzioni tra cui : La Notte del Caffè (2014) e i Carmina Burana nella Tradizione Popolare (2015) messi in scena in collaborazione con Helikonia-Finisterre e l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Ha partecipato a diversi films ‘O re di Luigi Magni- Separati in casa di R.Pazzaglia-Otello di F. Zeffirelli. I divertimenti della vita privata di F.Comencini e ad alcuni sceneggiati La Piovra (prima edizione), Medico in famiglia( prima seconda e terza serie), oltre ad alcuni documentari per la BBC  e per Arte  sulla Tradizione Popolare in Campania e sulla Commedia dell’Arte. Per due volte ha percorso il Cammino di Santiago (quello francese e quello portoghese) da cui è nato il progetto discografico Magna Mater con i Tamburi del Vesuvio e 40 musicisti di diverse etnie.

Quest’anno festeggia i 40 anni di carriera artistica 1978/2018. P’o riesto…’A Maronna ce accumpagna!

 

Paola Crisigiovanni
Pianista e Compositrice. Ha composto musica per Teatro, Cinema e Televisione.

Diplomata in Pianoforte ed in Musica Jazz presso il Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila, si è poi perfezionata con Danilo Rea e Martin Joseph. Si è laureata in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo all’Università di Bologna con il massimo dei voti. Vincitrice del 1° premio al Concorso per compositore-arrangiatore indetto dal “Paese degli Specchi” di Bologna (1993), ha ottenuto una borsa di studio e si è perfezionata con George Russell, Kenny Wheeler e Mike Gibbs.
È stata premiata al Premio Nino Rota del 45° Festival del Cinema a Salerno per la colonna sonora del film di P. Marussing “L’uomo del sogno”. Sue composizioni sono state incise per la Gdm-Sony e per la Splasch. Svolge attività concertistica in varie formazioni e si è esibita in importanti Teatri e Festival Internazionali quali “Sala Sinopoli (Parco della Musica di Roma), Premio Lumière”,“Medaglie d’oro Europee”, “29° International Izmir Festival”, “Pescara Jazz”, “Atina Jazz”. Ha tenuto concerti e spettacoli teatrali con artisti quali Kenny Wheeler, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Dario Deidda, Martin Joseph, Amii Stewart, D.D.Quartet, Alessandro Preziosi e Lino Guanciale.
Come compositrice ha avuto commissioni da Istituzioni e orchestre italiane ed estere (Filarmonica di Mosca, Orchestra Filarmonica di Torino, Orchestra di Milano Classica, Coro di voci bianche della città di Lione, Orchestra Sinfonica di Mar de Plata, “Musica para el Tercer millennio 2006” della città di Madrid, Orchestra del Teatro Marrucino di Chieti, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Solisti Aquilani, Jakarta Anniversari Festival II ecc.). La Filarmonica di Mosca le ha commissionato la Cantata, L’ultimo sogno di Fellini, eseguita (e trasmessa in diretta streaming) alla Tchaikovsky Chamber Hall di Mosca il 5
marzo 2015. Ha composto colonne sonore per le reti televisive di AlJazeera. Ha lavorato, in veste di arrangiatrice, in programmi trasmessi dalle reti Mediaset. Ha realizzato riduzioni canto-piano su commissione di importanti Enti e Istituzioni quali il Teatro dell’Opera di Roma e la Fondazione Arena di Verona. Collaborazioni con Istituti e docenze: socio dell’ Istituto Abruzzese di Storia Musicale; Coordinatore dell’Orchestra e del Coro del Teatro Marrucino di Chieti; docente di “Arrangiamento per Orchestra” dell’Accademia della Canzone di Sanremo; docente di “Storia, evoluzione e prassi dell’arrangiamento Jazz” al Conservatorio di Monopoli.